Bonga Cams
Diventare Camgirl

Jennifer Ringley, la Prima Camgirl dell’Era Internet

Jennifer Ringley: la Prima Camgirl dell'Era Internet

Chi fu la prima vera camgirl dell’era internet? Chi fu la prima donna che si mostrò ad utenti sconosciuti tramite l’uso di una webcam? Questo primato va indubbiamente all’americana Jennifer Ringley. Jennifer Ringley viene oggi considerata la prima camgirl dell’era internet anche se, il suo intento, era di per sé molto diverso da quello di una camgirl di oggi.

Siamo nel lontano 1996. Il 14 aprile di quell’anno, la allora diciannovenne e studentessa Jennifer Ringley collegò una webcam al suo computer e la puntò in modo tale da riprendere la sua stanza nel dormitorio del Dickinson College in Pennsylvania. L’intento di Jennifer era quello di creare una sorta di “esperimento sociale” che permettesse agli internauti di osservare, nuda e cruda, la vita di una giovane studentessa americana 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Vuoi guadagnare tanti soldi nel sito italiano per camgirl più grande e famoso? Iscriviti qui!

All’epoca, la ragazza non si aspettava che questo semplice esperimento l’avrebbe resa una vera e propria celebrità di Internet e che le avrebbe assicurato anche il titolo di prima camgirl del web. Tuttavia, a ripensarci oggi, era la prima volta in assoluto che la vita di una ragazza giovane e carina veniva messa in bella mostra su Internet alla mercé di tutti, a tutte le ore del giorno e senza epurazioni di sorta.

Come era Internet nel 1996?

Ma facciamo un passo indietro solo per renderci conto di quanto l’Internet che esisteva all’epoca in cui Jennifer diede inizio al suo esperimento sociale fosse diverso da quello di oggi. Innanzitutto il colosso Google era ancora un’idea in fase di sviluppo tanto che il dominio google.com sarebbe stato registrato solo un anno dopo, nel 1997. Facebook, uno dei social network oggi più utilizzati al mondo, era di là da venire e avrebbe fatto il suo debutto soltanto nel 2004, otto anni dopo dacché la Ringley iniziò a pubblicare via streaming la sua vita da studentessa al Dickinson College. Quando Jennifer Ringley diede inizio al suo esperimento, gli utenti globali connessi ad Internet erano poco meno di venti milioni e nella migliore delle ipotesi navigavano con Modem a 56k quando non a 28k o a 14k.

Per pubblicare su Internet le immagini di sé stessa e della sua stanza, Jennifer utilizzava una Connectix QuickCam, all’epoca una delle migliori webcam presenti in circolazione. In pratica la webcam scattava immagini in bianco e nero a bassa risoluzione che venivano poi caricate ogni tre minuti su di una pagina web. Jennifer scrisse e sviluppò il codice necessario a pubblicare le immagini provenienti dalla sua webcam su di una pagina web che si aggiornava automaticamente. Era nata la prima “lifecaster” di Internet o, se volete, la prima camgirl! Ed era nata anche l’idea che diede in seguito vita al genere “Reality TV” con programmi di successo come The Truman Show e Grande Fratello (Big Brother).

Jennifer Ringley inizia il suo esperimento

Dall’aprile del 1996 dunque, chiunque avesse una connessione internet poteva collegarsi alla pagina web di Jennifer Ringley e osservare cosa stesse succedendo nella sua stanza. Da prima Jennifer registrò ed utilizzò per il suo esperimento sociale il dominio jennicam.org. In seguito e sull’onda del successo raggiunto acquistò anche il dominio jennicam.com.

Se all’inizio del suo esperimento Jennifer aveva l’accortezza di spostare la webcam verso il muro durante i suoi momenti di intimità, ben presto queste accortezze vennero completamente dimenticate. Anzi, nei primi anni del suo esperimento la ragazza si esibì in estemporanei spogliarelli di fronte ai fortunati utenti connessi.

Vuoi diventare una camgirl nella migliore videochat in lingua italiana? Clicca qui!

Tanto bastò per rendere il sito di Jennifer uno dei primi fenomeni virali di Internet. Nei momenti di maggior afflusso, il sito di Jennifer raggiunse i 4 milioni di visitatori unici. Gli utenti si connettevano al suo sito e rimanevano lì, ad aspettare che caricasse una nuova immagine nella speranza di poter vedere Jennifer nuda o in atteggiamenti intimi.

Jennifer Ringley diventa la Regina di Internet

Nel 1998 la Ringley, terminati gli studi, si trasferì a Washington e decise di ampliare il suo esperimento e di monetizzarlo: passò da una a tre webcam e creò un accesso premium. In pratica, pagando un piccolo abbonamento tramite Paypal, l’utente aveva diritto a visualizzare un numero maggiore di immagini webcam rispetto a chi non fosse abbonato.

Gli anni passati a Washington furono per Jennifer quelli della consacrazione come vera e propria Regina di Internet: Jennifer pubblicò interviste su riviste più o meno prestigiose e partecipò a numerose trasmissioni televisive tra cui anche il famosissimo “Late Show” di David Letterman. Ebbe anche una breve parentesi come attrice interpretando il ruolo di una camgirl nel telefilm Detective in Corsia (Diagnosis Murder).

Nel frattempo il suo sito era diventato un vero e proprio fenomeno di massa con una media di 3 milioni di visitatori unici giornalieri. Gli utenti si connettevano da casa, dal lavoro e, con un atteggiamento al limite tra la curiosità e il voyeurismo, restavano incollati sul sito di Jennifer ad aspettare che la sua webcam trasmettesse una nuova immagine… chissà magari nella prossima immagine avrebbero potuto osservare la ragazza nuda oppure in quella ancora dopo…

Lento ma inesorabile arriva il declino

Quando decise di trasferirsi a Sacramento in California, Jennifer documentò il trasloco con un “live” gratuito in cui venne aiutata da Dex, il fidanzato di una sua amica camgirl. Tra i due nacque una relazione anch’essa in parte documentata dalla webcam di Jennifer. Il trasloco a Sacramento sancisce anche l’inizio del declino dell’esperimento sociale di Jennifer. La ragazza trovò un lavoro fisso come “Web Developer” e la si poteva quindi osservare in casa soltanto nelle ore serali.

Vuoi guadagnare facilmente e velocemente facendo la camgirl sul più famoso sito italiano? Iscriviti qui!

Molti utenti che frequentavano il suo sito iniziarono a criticare pesantemente la ragazza per aver “rubato” il fidanzato della sua migliore amica e per non essere quasi mai presente in webcam. Alla fine del 2003 inoltre, Paypal interruppe la sua collaborazione con il sito di Jennifer adducendo come motivazione le nuove politiche anti-nudo dell’azienda.

Jennifer decide di oscurare il suo sito

Dopo ben sette anni e più di otto mesi di streaming ininterrotto, la Ringley oscurò il suo sito il 31 dicembre del 2003 adducendo come motivazione principale la nuova politica anti-nudo di Paypal. Probabilmente però, la ragazza voleva anche riappropriarsi della propria vita mettendo la parola fine ad un esperimento che era cresciuto, nel bene e nel male, ben oltre ogni sua ragionevole aspettativa.

Bisogna tener presente infatti che l’esperimento di Jennifer fu anche oggetto di dure critiche da parte degli ambienti cattolici americani e che la ragazza fu persino minacciata di morte dopo che un gruppo di hackers riuscì a comprometterne il sito.

Oggi Jennifer Ringley è completamente scomparsa dalla scena pubblica. Non ha più un sito web e non ha alcun profilo sui principali Social Media come Facebook o Twitter. Sappiamo solo che si è sposata, che il suo nome ora è Jennifer Johnson e che probabilmente vive nello Stato della California.

Moltissime altre hanno seguito l’esempio di Jennifer. Una fra tutte è Ana Voog che con il sito anacam.com per un certo periodo ebbe un discreto successo anche se nessuno riuscì più a conquistare la notorietà raggiunta da Jennifer e dal suo sito.

Per quanto ci riguarda, ci piacerebbe molto poter chiedere a Jennifer cosa ne pensa del fenomenale successo che al giorno d’oggi le camgirl riscuotono su Internet. Una domanda che, molto probabilmente, è destinata a restare senza risposta.

Diventare Camgirl
Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventare Camgirl
Bonga Cams
In Alto